Nuove iniziative su strisce blu

Lettera aperta al Comune e al Consorzio TEA.

Spett. li

Consorzio Tea
Comune di Reggio Emilia

In Consiglio Comunale avemmo occasione di esporre quanto oggi si sta realmente realizzando.

Chi ha modo di percorrere fin dal primo mattino la zona Mirabello si troverà di fronte a fatti del tutto anomali e irrazionali: intere zone a stalli blu perennemente libere e parcheggio scambiatore ex Polveriera saturo e del tutto inutile per lo scopo pensato dai nostri amministratori.

Ora, visto che anche in zona Mirabello è stata attivata da pochi giorni la sosta a pagamento, ci troviamo di fronte ad una nuova zona a strisce blu libera da auto in quanto nessuno ha la convenienza a pagare una sosta quando a pochi metri il parcheggio scambiatore della Polveriera è gratuito. Questo discorso anima, come avevamo previsto, un po’ tutti: pendolari, esercenti, impiegati ecc.  Conseguenza: la Polveriera è satura e inutile e, dal momento che le colonnine sono già installate, c’è da scommetterci che il passo successivo sarà quello della Polveriera a pagamento. Le foto scattate sono molto eloquenti e ritraggono via Mirabello e le vie limitrofe alle ore 11 di una comune giornata lavorativa. Fino a poco prima dell’introduzione della sosta a pagamento, lungo la via si trovavano auto parcheggiate e la Polveriera più libera, oggi le parti si sono invertite. Sicuro, Assessore Gandolfi, che siano stati i cittadini a richiedere il suo (non indispensabile) intervento? Ma ora Lei avrà altre cose più importanti a cui pensare lasciando noi cittadini in balia dei problemi che Lei e la Giunta ci avete creato.

Abbiamo anche constatato, con stupore e rammarico, che le nostre osservazioni sulla irregolarità di molti stalli non sono state minimamente prese in considerazione, nonostante la loro divulgazione sulla stampa locale. Avremmo, infatti, accolto con favore la correzione della lunghezza degli stalli e la predisposizione di almeno un passaggio pedonale ove assente.

Ma non è tutto. I periodi di gratuità del parcheggio (prima ora, giorni festivi, giorni feriali dalle ore 13 alle ore 15 e mercoledì pomeriggio), orgoglio della nostra amministrazione, sono indicati in modo talmente sibillino da indurre in errore i cittadini e, quindi, perdendo di fatto efficacia. L’indicazione della prima ora gratuita, visibile solo nel piccolo display con la dicitura “franchigia” (quando lo stato di pulizia lo permette), come pure il simbolo dei due martelli incrociati seguito dai periodi di validità del pagamento non sono certo al top della immediata comprensione. Come abbiamo avuto modo di monitorare, capita a molti di inserire 0,50 euro per la sosta di un’ora nei periodi di esenzione, quando sarebbe stato sufficiente premere il pulsante verde senza spendere nulla. Potranno fermarsi così due ore o più, direte, ma non ne avevano la necessità. Oppure di pagare per fermarsi non più di un’ora, quando, invece, la prima ora è gratuita. Oppure, ancora, di pagare il mercoledì pomeriggio e trovarsi la possibilità, non richiesta, di parcheggiare fino al giorno seguente.

La segnaletica, come ben sapete, deve essere facilmente percepibile e comprensibile. Inoltre, un po’ di chiarezza in più non farebbe male a nessuno.

Suggeriamo, quindi, di installare un pannello integrativo riportante, per esempio, “parcheggio gratuito dalle ore x alle ore y. Prima ora gratuita: premere il pulsante verde per ritirare il ticket. La prima ora gratuita è sommata all’eventuale periodo di pagamento”.

Al contrario, non avete lesinato spazio per un grande cartello nel quale si avvisano gli automobilisti sulle sanzioni in caso di mancata esposizione del ticket e, fatto alquante grave, in caso di scadenza del ticket. Quante volte abbiamo ribadito che le sanzioni sui ticket scaduti, non previste dal Codice della Strada, sono illegittime riportando leggi, pareri ministeriali e sentenze. Abbiamo anche suggerito di istituire il cosiddetto “avviso di cortesia”, iniziativa già adottata da altri Comuni, che permette al cittadino di integrare il titolo scaduto e pagare per quello che ha effettivamente consumato senza subire una sanzione non prevista e ingiusta. Tale iniziativa è stata anche lodata dalla Corte dei Conti della Regione Lazio in termini di “servizio più equo, riservando la sanzione ai reali inadempimenti degli utenti, e più efficiente, rispondendo alle esigenze dell’utenza impossibilitata a volte di prevedere i reali tempi di sosta”.

Vogliamo, quindi, aiutarvi a migliorare l’informazione data ai cittadini installando alcuni cartelli esplicativi sulle colonnine. Siamo consapevoli che si tratta di affissione abusiva ma il fine è buono e rivolto al rispetto della città e dei cittadini. Oltre a ciò, abbiamo predisposto per gli automobilisti un avviso di cortesia destinato agli accertatori della sosta nel caso siano intenzionati ad elevare multe per i ticket scaduti. L’avviso, da posizionare sul cruscotto dell’auto, può essere scaricato dal sito web http://reggiocivitas.wordpress.com o richiesto telefonando al 3343302854. Copie cartacee saranno anche a disposizione presso lo stand dell’Associazione di via Melato in occasione dell’evento RiutilizzaRE che si svolgerà domenica 9 giugno nel parcheggio Polveriera.

Ancora due ultimi suggerimenti. Togliete, per cortesia, il palo di una futura segnaletica verticale installato in viale Olimpia davanti ad un cancello utilizzato dagli addetti alla cura del verde e comunicate a Iren di spostare i cassonetti da uno stallo riservato ai disabili nel parcheggio tra via Mirabello e viale Olimpia.

Con cordialità.

Tolmino Menozzi

Valentina Iannuccelli

L’avviso per gli accertatori della sosta da posizionare sul cruscotto dell’auto:
 
 Avviso di cortesia agli accertatori sosta
 
Ore 11: parcheggio Polveriera saturo

Ore 11: parcheggio Polveriera gratuito

Ore 11: parcheggio di viale Olimpia a pagamento

Ore 11: parcheggio di viale Olimpia a pagamento

Ore 11: parcheggio di via Mirabello a pagamento

Ore 11: parcheggio di via Mirabello a pagamento

Il nostro cartello integrativo

Il nostro cartello integrativo

Cassonetti sullo stallo per i disabili

Cassonetti sullo stallo per i disabili

Un altro incidente all’incrocio tra viale Olimpia e via Melato

Rocambolesco incidente ieri mattina, appena dopo le 8, all’incrocio tra viale Olimpia e via Melato, fortunatamente senza apparenti danni alle persone. Uno scontro tra due automobili ne ha addirittura capovolta una di grosse dimensioni. Un ennesimo scontro tra automezzi in un incrocio ad elevatissima incidentalità (una media di un incidente al mese) per il quale la nostra Associazione e i cittadini chiedono da tempo la messa in sicurezza. La richiesta di moderazione del traffico, anche tramite un semplice e poco oneroso cartello di divieto di svolta a sinistra, inserita al primo posto di un elenco di interventi presentato all’Assessore Gandolfi nel dicembre 2011, è rimasta senza risposte.
Ma, stamane, dopo l’incidente, la coscienza dei nostri amministratori si è improvvisamente destata con un intervento sulla segnaletica orizzontale resa ormai invisibile dalla mancanza di manutenzione. Finalmente qualche striscia bianca a tutela della sicurezza dei cittadini tra le nuove e fiammanti strisce blu a tutela delle finanze del Comune!
V.I.

Una massima dice che sia meglio prevenire che curare, ma non per i nostri amministratori che preferiscono intervenire dopo che l’irreparabile  (fortunatamente questa volta sembra senza gravi conseguenze per le persone) si è già verificato. Vorrei evidenziare che, dove si è verificato l’incidente, anche il fondo stradale è fortemente sconnesso e pericoloso soprattutto per chi transita per via Melato a bordo di biciclette o motorini.

F.M.

SAM_1662SAM_1663

SAM_1664SAM_1665

Chiuse le iscrizioni per RiutilizzaRe del 9 giugno: i dati

Finito lo “spoglio” degli espositori accettati e la lista d’attesa per l’edizione del 9 giugno. Dati: 447 richieste pervenute fino alle ore 7:14, 241 richieste pervenute alle ore 0:00. Chi non ha ricevuto risposta, ahimè, non è stato accettato. Mail ed elenchi sono in visione per chi desidera previa telefonata al 3343302854. Grazie a tutti voi!!

Associazioni, scuole o parrocchie che partecipano gratuitamente per raccogliere fondi a scopi istituzionali possono inviare le richieste da lunedì prossimo per un max di 20 posti. Si ricorda di inviare la richiesta con una mail istituzionale indicando nominativo e recapito telefonico del rappresentante.