Vandali in azione tra via Patti e via Sani

Non la crisi economica, troppo spesso addotta a giustificazione della delinquenza dilagante nella nostra città, ma la crisi dell’alto valore della legalità, troppo poco incentivata con un serio contrasto per riuscire ad essere inculcata, è alla base di ciò che è accaduto nella notte tra giovedì e venerdì in due vie della città, via Viani e via Patti. Almeno sei automobili sono state prese di mira da vandali che hanno danneggiato gli specchietti laterali. Sul posto sono intervenute la Questura e la Polizia Municipale. Alle sei del mattino, lo spettacolo è risultato ancora più desolante a causa di bidoni dell’immondizia rovesciati a terra e bottiglie sparse sulla strada. Stanchi e adirati i proprietari dei veicoli ma anche tanti cittadini che hanno manifestato un grave malessere che si protrae da troppo tempo. Apprendiamo dai giornali che gli atti vandalici hanno interessato anche via Sani. Speriamo che qui le telecamere abbiano immortalato l’autore o gli autori (sempre che siano funzionanti . . .).

Auto1
Auto2

Piantumata una cabina elettrica accanto ai giochi per bambini

Dalla sera alla mattina, una grande cabina elettrica è spuntata nel parco comunale di via F.lli Tondelli, proprio accanto ai giochi per bambini. Tagliate molte radici di alberi decennali e, ovviamente, nessun coinvolgimento dei cittadini, nonostante in questo periodo si parli tanto di ascolto e partecipazione . .
Chi ha dato l’autorizzazione? Sono stati interpellati gli organi preposti alla tutela dell’ambiente e del verde?
Immagine1
SAM_2059
SAM_2060

Il parco della vergogna

Il parco della vergogna, tra viale Olimpia e via Melato. Un parco cittadino che dovrebbe essere un luogo di svago per bambini è, da sei anni, alla mercé di incivili: rifiuti di ogni genere, bottiglie di vino e birra abbandonate a terra, tronchi di alberi adibiti ad orinatoi, fontana per lavaggi corporali e di indumenti che vengono fatti asciugare sulle strutture ludiche, cestini per i rifiuti divelti e utilizzati come sedie, manto erboso, o quello che ne rimane, come dormitorio. Lo scenario desolante si ripete quotidianamente nonostante gli interventi dissuasivi da parte della Polizia Municipale e le frequenti pulizie a spese della collettività. Una zona franca, sede anche di spaccio, che i residenti non sono più disposti ad accettare.

Domenica mattina, l’Associazione di via Melato, che da diversi anni chiede la riqualificazione urbana del parco e il rispetto dei regolamenti comunali, ha organizzato un presidio per installare sulla recinzione del parco le richieste dei cittadini e un cartellone di protesta. Sono state, inoltre, raccolte circa 250 firme di cittadini che risiedono nei condomini circostanti. Firme, dossier fotografico e richieste saranno inviate al sindaco vicario Ugo Ferrari.
Pubblicato su Prima Pagina e Il Resto del Carlino – Reggio Emilia
Cartello parco della vergogna
Locandina parco

Ritornano i mercatini dell’usato senza tasse!!

Marcia indietro della Regione Emilia Romagna sulle limitazioni imposte dalla LR n. 4/2013 agli hobbisti nel settore del riuso destinato alla dismissione o allo smaltimento, compresa l’applicazione del tesserino annuale dal costo di 200 euro. Lo ha stabilito la Giunta Regionale, su proposta dell’Assessore al Turismo e Commercio e in seguito a numerose proteste, con una delibera del 10/2/2014 e confermato dai Servizi di sportello per le Imprese, il Commercio e la Tutela ambientale del nostro Comune. L’applicazione di tale legge nell’ambito degli oggetti usati era, infatti, in netto contrasto sia con leggi statali e regionali che con linee europee rivolte alla protezione ambientale e alla riduzione dei rifiuti.

Pertanto, l’evento RiutilizzaRE – l’usato domestico in Polveriera, da noi sospeso in segno di disapprovazione per l’irragionevole tassazione, riprenderà la consueta programmazione trimestrale con il prossimo appuntamento previsto per domenica 8 giugno.

Calendario 2014

Calendario 2014