Reggio, una città che sa cambiare . . una fontana in piscina . .

Non fa nemmeno tanto caldo, sabato sera verso le 21, eppure l’acqua attira grandi e piccini, a piedi o in bicicletta. Intorno, un adulto scalzo, a torso nudo, con i pantaloni arrotolati a mo’ di bermuda. Non siamo al mare o in piscina, me bensì nella fontana cittadina del teatro Valli. E’ veramente triste vedere così il nostro centro storico, ancora di più notando davanti all’ingresso dei musei una pattuglia ferma della Polizia Municipale. Ma non sarebbe proibito? Il nuovo Regolamento di Polizia Locale, da poco approvato dal Consiglio comunale, ha eliminato sensatamente la deroga al divieto di immergersi o bagnarsi nelle fontane per i minori di anni 12, ma, attenzione, ha eliminato anche il divieto di bagnarsi lasciando solo quello dell’immersione. Difficile immergersi in una fontana con zampilli e pochi centimetri di acqua. Quale sarà la giusta interpretazione, quale la volontà del nostro legislatore? L’unico dubbio che non si ha è quello dello spettacolo desolante ma che ben si addice al primo punto delle linee programmatiche del mandato 2014-2019 del nuovo Sindaco: “Reggio Emilia, una città che sa cambiare”. Non certo in meglio.

SAM_2227

SAM_2229

SAM_2230 copia

 

Un altro incidente all’incrocio tra viale Olimpia e via Melato

L’incrocio tra viale Olimpia e via Melato è stato ancora teatro di un grave incidente stradale. Poco prima delle 14 di mercoledì scorso, l’impatto tra due auto, di cui una finita contro un albero dopo essersi ribaltata, ha causato il ferimento di un conducente trasportato poi al Pronto Soccorso. Sono passati tre mesi, per quanto a noi noto, dall’ultimo incidente nello stesso incrocio e quasi due anni dalla richiesta di moderazione del traffico all’ex Assessore Paolo Gandolfi. In quell’occasione prospettammo diverse soluzioni anche di modica spesa, come la semplice installazione di cartelli che vietino la svolta a sinistra. Finora nessun intervento, fatta eccezione per il tinteggio della segnaletica orizzontale, eseguito subito dopo l’incidente di maggio, ma ormai sbiadito a causa dei materiali impiegati di scarsa qualità. Non ci stupiremmo che si chiedesse ai cittadini di provvedere con proprie finanze come già verificatosi il mese scorso per la semplice richiesta di sostituzione di uno specchio parabolico danneggiato che permetteva l’uscita in sicurezza dei veicoli da un parcheggio privato ad uso pubblico, ora a pagamento.

Incidente

Parcheggiatori abusivi all’ospedale: le foto della fuga all’arrivo della Polizia Municipale

Non demordono i parcheggiatori abusivi davanti al Santa Maria Nuova, liberi di non rispettare il Codice della Strada che vieta espressamente questa attività con sanzioni fino a 2.600 euro, liberi di commettere un reato di truffa  rivendendo ticket non ancora scaduti, liberi di trarre profitti esenti da tasse, liberi di non rispettare le leggi sull’immigrazione e liberi di creare situazioni non certo rispettose per le persone che si recano all’ospedale. Come lunedì pomeriggio, quando l’arrivo della pattuglia della Polizia Municipale ha generato scene che hanno rasentato l’inverosimile senza portare ad alcun risultato. Forse ha prodotto più fastidio vedere un cittadino immortalarli con la macchina fotografica nella loro fuga alla ricerca di un nascondiglio che si è poi conclusa proprio davanti all’entrata dell’ospedale.

V.I.

L’articolo su Prima Pagina:

Prima Pagina

In attività prima dell'arrivo della pattuglia

In attività prima dell’arrivo della pattuglia

In attività prima dell'arrivo della pattuglia

In attività prima dell’arrivo della pattuglia

Il tour della Polizia Municipale

Il tour della Polizia Municipale

La fuga

La fuga

La fuga

La fuga

Al nascondiglio

Al nascondiglio

Il “giro di vite” contro i parcheggiatori abusivi del Santa Maria Nuova

Sabato mattina, passando vicino al parcheggio davanti al Santa Maria Nuova, assisto al “giro di vite” promesso dalla Amministrazione comunale per porre fine alla truffa dei parcheggiatori abusivi, noti per vendere ticket non ancora scaduti agli automobilisti. Una pattuglia della Polizia Municipale sta percorrendo a velocità ridotta le corsie del parcheggio. Al suo arrivo, un parcheggiatore abusivo si china nascondendosi dietro un’automobile parcheggiata, un altro si fa tutt’uno con un tronco d’albero e un altro ancora corre verso il negozio di fiori. La Polizia Municipale continua imperterrita il suo giro. Nel frattempo, un parcheggiatore riesce anche a ricevere del denaro da una signora. Alcuni passanti si fermano ad osservare la scena. Qualcuno sospira, sorride e dice “Non ce la possiamo fare”. Seguo con gli occhi l’auto della Municipale che, avendo già completato il proprio dovere, esce dal parcheggio e si immette su viale Risorgimento. La raggiungo e chiedo con un gesto di fermarsi. Spiego ai due agenti che un intervento eseguito in quel modo non serve a nulla e che la situazione illecita andrebbe risolta almeno scendendo dall’auto o, ancora meglio, con un servizio in borghese. L’agente a fianco del guidatore risponde infastidito che al mio posto non avrebbe mai interferito con il lavoro altrui e di rivolgere le lamentele al Comando. Un bell’esempio di vicinanza ai cittadini, ma soprattutto un bell’esempio di efficace presidio del territorio e di applicazione del Codice della Strada che vieta questa attività con sanzioni che vanno da 675 a 2.714 euro! Un’altra classe protetta?

V.I.

Sabato sera a tavola con musica soft in via Melato: sabato 4 agosto “Cena pre-ferie con piatti di pesce””

Nel mese di luglio e agosto, ogni sabato, il Camera Kaffè di via Melato organizza serate culinarie con musica dal vivo o altre animazioni.  Si cena, dalle 20,00 in poi,  sotto le stelle a modico prezzo (15 € tutto compreso) e in allegra compagnia! E, in caso di pioggia, i tavoli sotto il portico permetteranno di continuare tranquillamente la serata.  Sabato 4 agosto “Cena pre-Ferie con piatti di pesce”.

A tavola con le prelibatezze di Caterina

. . . e tanta buona musica tutta dal vivo!